• +39 347 8745605 segreteria@shinbudokai.it

Archivi del mese :

settembre 2020

150 150 ASD Centro Studi Arti Marziali

Importante riconoscimento per il Kyokushin Kenbukai in Italia!

All’interno del settore Arti Marziali dell’ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane) è stato riconosciuto come stile autonomo il Kyokushin Kenbukai.
I diplomi di grado e le qualifiche di allenatore, istruttore e maestro saranno ricnociute da ASI e CONI, solo dopo la valutazione di Kaicho Masahiro Kaneko o di uno Shighan da lui autorizzato.
Sul territorio nazionale il responsabile sarà Sensei Andrea Stoppa, coadiuvato inzialmente dagli allenatori Matteo Brescanzin, Giacomo Crasti, Martino Montanaro, Fabio Raminelli e Donato Malerba.
La Kenbukai non è solo un’altra variante del Kyokushin, ma una scuola di BU-Do di alto livello tecnico e morale.
Chi volesse contattare il referente nazionale può farlo alla mail stoppa2@virgilio.it o al numero di telefono 3478745605.

150 150 ASD Centro Studi Arti Marziali

Bambini, difesa personale e bullismo

Alle volte i genitori mi portano in palestra i bambini dicendomi “vorremmo che imparasse a difendersi”.

La mia risposta è “io invece gli insegnerò a non lottare!”.
Quando mi guardano stupiti, spiego loro che i bambini hanno prima di tutto bisogno di essere incoraggiati, di autostima, di essere spinti a essere onesti e coraggiosi con i gesti prima che con le parole.
Poi devono imparare l’arte marziale divertendosi e, infine, imparare a prevenire una eventuale aggressione, per poi, quando possibile, difendersi con il minimo della forza e con estremo controllo.
E’ un percorso lungo, ma è il solo modo con cui ogni istruttore onesto dovrebbe affrontare l’insegnamento ai più piccoli delle arti marziali.

150 150 ASD Centro Studi Arti Marziali

Il significato del saluto nel dojo

Perché salutare con un inchino quando si entra o si esce dalla palestra, quando si sale o si scende dal tatami, o prima e dopo la lezione?

Ce lo spiega il nostro Maestro:

“Il saluto all’inizio e alla fine della lezione è il modo ci contenere la tecnica e la lotta in uno spazio mentale e fisico ben definito”

Sensei Andrea Stoppa